ENRICO GALLINARO – AZIENDA AGRICOLA COLLE SAN MASSIMO


Una settima incredibile, meravigliosa, costruita e fondata sulla relazioni umane, fatta di terra, sudore, fatica ma soprattutto soddisfazione, gratitudine…ogni singola alba e tramonto, spesi nel ringraziare questa nostra vita, questa nostra terra. Il pane cotto nel forno a legna, preparato con amore da Enrico, con le proprie mani da farine di altrettanti amici genuini, sani, senza veleni aggiunti…crebbero le voci, le mani, entusiaste nel preparare la pizza, le verdure dall’orto, il formaggio del casaro underground, la carne di pecora! La mia amata carne di pecora! Pecore felici di mangiar erba sotto un cielo azzurro. Avevo quasi dimenticato cosa volesse dire abbandonare lo smartphone, le mail, le persone…eh già le persone! Queste semplicemente attorno al fuoco, allegre, spensierate, stanche ma con la gioia d’un vino sincero fra le mani e nello stomaco.

Viviamo in appartamenti eleganti, lavoriamo da una scrivania, viaggiamo in coda tutte le mattine e tutte le sere, sento persone che non sanno il nome d’un comune vegetale, altre che non sanno che odore abbia la terra altre ancora pensano che nascano già in busta le verdure…ringrazio ogni istante di quella stanchezza fisica perchè li il mio cuore è sereno, connesso nella realtà del mondo.

Viviamo tutti in una grande bolla di petrolio e quando scoppierà non voglio avere ne rimpianti ne colpe.

Perciò Enrico, Spring, i compagni di viaggio di fatica e bellezza, vi devo ringraziare tutti! In particolar modo tu Enrico! Grazie semplicemente d’esser come sei, nei modi e nei pensieri, grazie di avermi ospitato nella tua casa, nella tua vita, nella tua intima cantina! ❤️💥
.
Ragazzi presto farà parte del progetto Uvanatura.it ma nel frattempo andatelo a trovare, bevete i suoi vini! La loro essenza? Dirompente, di gusto, grazia e freschezza da vendere! Quest’anno la passerina, la malvasia ed il trebbiano sosteranno sulle bucce più a lungo del solito (info underground nè!). Soprattutto godete del cerasuolo e della sua riserva di montepulciano, ne rimarrete affascinati!

Dimenticavo sembra che le fermentazioni spontanee da lieviti indigeni siano affar mistico e complicato vero? Estremamente pericolose o comunque incerte nevvéro?! Sbagliato!! Quasi non ci pensavo nemmeno, altro che pied de couve! Pigiadiraspatrice e mosto nel tino nel primo pomeriggio, la mattina seguente tutto bolliva regolarmente senza alcun problema od ansia! La vinificazione senza lieviti industriali ha millenni di storia non fatevi spaventare dai venditori di morte della chimica aggiunta!

Un abbraccio a tutta la realtà di Colle San Massimo, si prospetta un’ottima annata Enrico!📣💥❤️😁